Che cos’è l’auto-regolazione?

Al termine di una sessione di Bioenergetica, stavo rispondendo alla domanda “che cos’è l’autoregolazione”, quando mi sono accorto che la mia voce era forzata e che ciò era legato al diaframma e alla tensione nella parte alta.

Allora, rilassando il corpo e la voce, ho risposto con altra atmosfera, stato d’animo, efficacia, proprio con quell’esempio:

“ecco, sentite come la mia voce è diversa da un attimo fa?
Stagione, dopo stagione, s’impara:

A sentire presto le tensioni corporee
a collegarle agli stati d’animo
ad ascoltarsi come attraverso un principio autoregolatore, il corpo appunto
e ad agire immediatamente su preoccupazioni e ansie allorché insorgono
Permettendoci di sentirci più strutturati senza più passare lunghi periodi a sapere che cosa stessimo provando
E alla fine riducendo drasticamente i tempi e gli spazi alle prese con i sintomi psicosomatici e le confusioni su ciò che ci capita.

Questi sono soltanto i primi principi dell’autoregolazione. (La Bioenergetica)

La constatazione è che sono proprio quelli che tutti cercano nella vita, dallo Yoga alla palestra, senza trovarli davvero.

E questo mi ha illuminato.

La bellezza di tale processo è che si percepisce fin dalla prima occasione di pratica degli esercizi bioenergetici.

Entro 1 mese si affina il processo e si iniziano a percepire altri principi, vere e proprie leggi dell’auto regolazione:

7. le parabole evolutive o involutive della nostre abitudini. E il senso del benessere ricomincia finalmente dal basso.
Ad esempio: “oggi, anche se non ho dormito, non ho reagito come al solito in modo irritato. E ciò mi ha permesso di non rovinarmi la giornata, anzi, di regolare bene le forze e valutare cosa permettermi e cosa no. Di solito invece mi lascio travolgere. Me lo devo ricordare”.

8. Si indovinano i momenti in cui tacere o esprimersi, proprio perché il principio dello sforzo e della mancanza di risonanza e di accordo tra le parti interne ci fa fermare istantaneamente

9. S’intravvedono sin dall’inizio, poi si riconoscono al volo e infine s’interrompono i circoli viziosi:
“quando mi facevano così tanto arrabbiare…esageravo, passavo dalla parte del torto, cosicché finivo con il mangiare o bere o fumare troppo, e il giorno dopo stavo talmente male da rovinarmi tutta la settimana seguente. Oggi mi chiedo addirittura perché me la prendevo così tanto per una sciocchezza”.

10. Consolidano l’abitudine di affidarsi a ciò che sente il corpo, e a sentire di potere di nuovo incanalare automaticamente le energie in una attività, in una nuova idea o in una relazione.

11. Rendono piu sicuri. Quando siamo più sicuri, lo siamo nel corpo. E la pratica degli esercizi ce lo fa realizzare con molto piacere e leggerezza:
“ah, sai che m’è successo? Ho saputo cosa scegliere e che cosa mi piace e perché! Per me è inedito! Ho sentito una apertura nel corpo e non ho avuto dubbi! Una volta mi sarei scervellato, prima di prendere una decisione, comunque incompleta, presunta, e insoddisfacente!”.

12. Ci fanno assumere la cosapevolezza che è ciascuno di noi a produrre le proprie energie, caricarle e mantenerle, o abdicare e scegliere di depauperarle, attraverso una sorta di radar che ci fa stare sempre più in situazioni in cui l’energia aumenta ed evitare azioni e persone che ce la riducono.

13. Scoprendo ala fine uno dei principi più importanti dell’energia:
L’Energia c’è o non c’è.
Non è vero il modello del consumo. È vero che per ciascuno di noi, alcuni stati d’animo, situazioni e relazioni, la fanno crescere ed altri la fanno diminuire.
E questo può rivoluzionare l’intera esistenza.

 

Le fondamenta della vita “dal basso”

E proprio così: i principi dell’autoregolazione bioenergetica costruiscono le fondamenta della vita “dal basso”, dal momento dopo momento, dalle sensazioni corporee e dalle emozioni ad essa collegate.

13_colonne_autoregolazioneE quando lo realizzo mi rendo conto che era proprio ciò che stavo cercando e non trovavo mai.

Sono questi principi che costruiscono il sistema rivoluzionario che può realmente cambiarmi dentro per indirizzarmi fuori.

E tutto è più profondo e leggero insieme.

Riepilogo: I Principi dell’Autoregolazione Bioenergetica

1. La pratica degli esercizi induce a sentire presto le tensioni corporee

2. A collegarle agli stati d’animo

3. Ad ascoltarsi come attraverso un principio autoregolatore, il corpo appunto

4. Ad agire immediatamente su preoccupazioni e ansie allorché insorgono

5. Permettendoci di sentirci più strutturati senza più passare lunghi periodi a sapere che cosa stessimo provando

6. E alla fine riducendo drasticamente i tempi e gli spazi alle prese con i sintomi psicosomatici e le confusioni su ciò che ci capita.

7. La pratica degli esercizi evidenzia le parabole evolutive o involutive della nostre abitudini.

8. Ci fa indovinare i momenti in cui tacere o esprimersi

9. S’intravvedono sin dall’inizio, poi si riconoscono al volo e infine s’interrompono i circoli viziosi

10. Si Consolida l’abitudine di affidarsi a ciò che sente il corpo,

11. Si scopre che gli esercizi ci rendono piu sicuri. Quando siamo più sicuri, lo siamo nel corpo.

12. E’ ciascuno di noi a produrre le proprie energie.

13. Scoprendo alla fine uno dei principi più importanti dell’energia:
L’Energia c’è o non c’è.